top of page

A Ciano accoglienza a don Paul Poku Kwaku con Santa Messa e pranzo insieme

Aggiornamento: 20 nov 2021

Domenica 7 novembre, con la celebrazione della Santa Messa delle ore 11:15 nella Chiesa parrocchiale di Ciano, don Paul è stato accolto ufficialmente nell'Unità Pastorale come nuovo collaboratore.



Accanto al parroco don Bogdan e ai ministranti, tra cui il seminarista Francesco, don Paul ha concelebrato e, visibilmente commosso, ha ascoltato il seguente messaggio di accoglienza:

Ciano d’Enza, 7/11/2021
BENVENUTO DON PAUL!
Carissimo Don Paul, è a nome di tutta l’Unità Pastorale "Terre del Perdono" che ti porgiamo il benvenuto quale nuovo pastore in mezzo a noi.
Il Signore Gesù, con l’intercessione di Maria Santissima, San Martino Vescovo e tutti i Santi di questa Unità Pastorale, ti ricolmi di ogni benedizione, quale servo fedele di questa nuova comunità.
Lo Spirito Santo effonda su di te la grazia e la forza dei suoi santi doni, affinché tu possa affrontare serenamente questa nuova realtà in cui sei chiamato a svolgere la tua altissima missione sacerdotale.
Qualcuno di noi ti ha già visto in passato, intento a portare il conforto della preghiera presso gli ammalati dell’ospedale di Montecchio. Insegnaci a vivere il Vangelo allo stesso modo, facendoci prossimi di chi è bisognoso e di chi soffre nel corpo o nello spirito.
Siamo consci che ogni cambiamento comporta un po’ di incertezza e disagio, ma noi cercheremo di esserti vicino e di camminare insieme, affinché possiamo operare e crescere spiritualmente in fraterna e fattiva collaborazione, anche grazie al prezioso aiuto di Don Bogdan, don Franco, don Gian Luca e Mons. Pellegrino.
Desideriamo rivolgerti un sentito ringraziamento per essere venuto come guida in mezzo a noi e chiediamo al Signore di accompagnarci in un cammino di fede che da oggi ha inizio e che confidiamo sia lungo e ricco di buoni frutti.


Don Bogdan ha consegnato a don Paul un dono molto significativo: una valigetta con tutto l'occorrente per la celebrazione della Santa Messa, da poter utilizzare nel vasto territorio dell'Unità Pastorale, che si estende dalla Barcaccia fino a Vedriano.