Radio Dream Together - Il nostro progetto
Il nostro Oratorio ha felicemente accolto la proposta ideata dal Servizio diocesano della Pastorale Giovanile per tutti gli oratori della diocesi. Infatti, il parroco e gli educatori hanno aperto ai giovani questa opportunità, per consentire loro di utilizzare la rete per creare scambi e legami e trovare propri talenti da poter applicare nell’autentico stile oratoriano.

Nella nostra comunità hanno scelto di compiere questo percorso formativo un gruppetto di ragazzi dell’Unità Pastorale “Terre del Perdono”, accompagnati nella concretizzazione delle proprie idee da due adulti, Adele e Lavia.

Una volta alla settimana i ragazzi si sono ritrovati per partecipare ad un corso di formazione online, dato il periodo e le relative restrizioni, guidato da don Carlo Pagliari. Durante i cinque incontri i giovani sono entrati in contatto virtuale con diversi specialisti del settore della comunicazione e con chi, prima di loro, ha già avviato un vero e proprio percorso di evangelizzazione attraverso il web, come ad esempio il giovane don Alberto Ravagnani, che già avevamo iniziato a conoscere durante il lockdown.

Ciò che fin da subito si sono chiesti i ragazzi è stato in che modo poter utilizzare la rete e quale canale scegliere per arrivare a più persone possibili,  loro coetanei e non solo.

Grazie alla collaborazione e l’entusiasmo di tutti i componenti, il gruppo, dopo il confronto diretto maturato anche sulla bacheca online interna al progetto, visibile nell'immagine sottostante, ha deciso di impegnarsi nella creazione di una vera e propria web Radio.

padlet11.05.2021.jpg
Molto utili e interessanti sono stati quindi gli incontri serali online che, in proprio, sono stati organizzati per il nostro gruppo, consultando persone che già vivono l'esperienza di una webradio: don Paolo Padrini di Tortona (Radio PNR) e Marco Gatti di Livorno (Radio Shekinah).
 
Dietro alla scelta della Radio, vi è anche la volontà di riportare nelle nostre terre una modalità comunicativa già testata in passato dalle nostre comunità. Questa era naturalmente tradizionale e non web, come invece viene proposta oggi, ma vi è un collegamento tra passato e presente che tiene unito l’intero percorso.

 

Sappiamo infatti che verso gli anni Ottanta sul nostro territorio esistevano ben tre radio:

  • la parrocchia di San Polo gestiva Radio Val d’Enza, con sede nell’Oratorio di allora,

  • la parrocchia di Ciano aveva Radio Nuova Ciano, che trasmetteva dal campanile.

  • la parrocchia di Monchio infine aveva Radio Missioni.

L’obiettivo che si pongono i ragazzi del nostro progetto di oggi è quello di dare vita a una Radio che possa incontrare l'interesse di utenti anche di età diverse, attraverso la creazione di uno spazio virtuale in cui coinvolgerli per mezzo di contenuti di attualità, con presenza di ospiti e favorendo la loro partecipazione diretta, affinché non siano solo utenti della radio ma anche protagonisti.

 

Per i nostri ragazzi, tale obiettivo potrebbe includere tre aggettivi relativi alla web Radio del progetto:

  • moderna, per parlare della fede in maniera nuova e aperta;

  • divertente, nel senso di essere sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo e piacevole;

  • aperta, come luogo per un costruttivo scambio di idee.

Chiave-Oratorio-UPTerre-del-Perdono-senz