28 gennaio 1077 - Il Perdono di Canossa

Enrico IV durante l'inverno del 1077, arrivato davanti al castello di Canossa dovette umiliarsi attendendo tre giorni nella neve.

Grazie all'intervento di Matilde di Canossa e dell'abate Ugo di Cluny, l'imperatore fu ricevuto da Papa Gregorio VII il 28 gennaio.


Dal fatto storico nasce il detto "Andare a Canossa" e significa umiliarsi, fare atto di sottomissione, ammettere di avere sbagliato.


L'espressione deriva da una frase del cancelliere tedesco Otto von Bismarck nel 1872, che recita: "Noi non andremo a Canossa, né con il corpo né con lo spirito".


La nostra Unità Pastorale San Polo - Canossa n. 40 è intitolata proprio "Terre del Perdono", a ricordo del noto episodio.


Nella piccola chiesa della Barcaccia è custodito questo bellissimo quadro, opera del pittore Romano Sevardi del 1991, che ritrae il famoso episodio del Perdono di Canossa.







10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti